Storie porno sul sesso per i debiti

DOCUMENTARI - Sesso

Leducazione sessuale dei giovani

Pubblica la tua storia! Iscriviti alla newsletter! Per ricevere tutte le nuove storie!! O mia dolce cuginetta Le storie più votate. Le ultime inserite. Le più lette. Tutte le storie. Chat Porno. Audio Storie!! Aggiungi ai preferiti. Spalle al muro. Monica ha 34anni ed è felicemente sposata con Paolo da 7. La loro unione già datata da un lungo fidanzamento, ha partorito un bimbo di 5 anni che entrambi amano tantissimo.

È diretto da un medico di 68anni che verrà presto avvicendato. La famiglia è serena ed economicamente sana in quanto Paolo ha messo su dal nulla una piccola azienda di costruzioni edili molto stimata nella zona.

Nello studio medico Monica è affiancata da altre due infermiere. Nella rotazione di orario quella sera tocca a lei la chiusura alle 20, sarà il marito come al solito a passare a prenderla per il ritorno alla loro storie porno sul sesso per i debiti edificata alle porte della cittadina.

Come sempre alle tutti se ne vanno lasciando la ragazza sola con gli ultimi pazienti. Quel giorno la sala attesa si è svuotata presto e Monica sta finendo di medicare una giovane donna con leggere ustioni, regalo di un forno storie porno sul sesso per i debiti approciato. Finita la ragazza, le chiede gentilmente di far entrare chi sta aspettando in saletta. Dopo pochi attimi due storie porno sul sesso per i debiti con espressioni non propriamente rassicuranti fanno capolino nello studio.

Entrambi in canottiera, barba non fatta da giorni e calzoni macchiati di bianco e laceri in più punti. Per quelle visite Monica cercava di sfruttare occasioni in cui era vestita sobria. Sa di essere una bella ragazza; capelli neri lisci, occhi marroni penetranti, un volto molto seducente su un fisico di sicuro storie porno sul sesso per i debiti sua miglior prerogativa, terza abbondante di un seno sodo e un culo dai fianchi leggermente pronunciati, storie porno sul sesso per i debiti tonico e stimolante ed in cantiere gli sguardi dei presenti non erano mai del tutto innocenti.

La ferità è vicina al pube e le mani della ragazza lavorano molto vicine all orlo degli slip. Come tutti i giorni Monica indossa in studio il classico camice bianco che cerca di tenere in più abbottonato possibile; ma quella era stata una giornata afosa e proprio con la paziente di prima si era liberata di un bottone. Dimenticandosi di questo, Monica non si accorge che piegandosi leggermente in avanti regala al ferito una porzione abbondante del suo splendido seno. Cerca allora di accelerare la medicazione.

Ha saldato una parte, quella degli altri, ma non poteva pagare la nostra vincita. O meglio ha detto che avrebbe pagato in 6 mesi. Sente le mani che cattive e decise la palpano dappertutto, i bottoni vengono liberati ad uno ad uno ed il camice aperto del tutto. Sente la bocca del ferito sui suoi seni, li sugge con desiderio, ma anche senza delicatezza Quello dietro invece mette le sue mani dentro il perizoma a palparle i glutei e a tittillarle il clitoride Potrebbe ancora fermarli, in fin dei conti il debito non è suo, ma ama suo marito e anche se poi gliela farà pagare, non si sente di lasciarlo nelle loro mani.

Mentre il ferito le tormenta il seno, la ragazza reclina all indietro il capo e si trova le labbra del piccoletto a pochi centimetri L uomo la bacia con ardore infilando la lingua nelle labbra socchiuse.

Intanto il piccoletto le affibia colpi duri e cattivi, non è mai stata scopata cosi dal marito. Il ferito allora muove il bacino verso l alto regalando alla donna colpi forti e sincopati.

La notte sarà lunga, ma da quella stanza ne uscirà una Monica nuova per sempre. Notorius47 yahoo. Commenti Quanto ti ha eccitato questa storia??!!