Storie di sesso. con Dio

La morte

Figlia di insegnamento madre a fare sesso con un ragazzo

Questa che sto per raccontarvi è una storia di incesto reale. La colpa che mi posso dare che sono una donna dura, sono titolare di una società di fitness. Non sono qui a raccontare la mia vita perché non interessa a nessuno. Sono una donna di 45 anni dai capelli neri lunghi e vaporosi, carnagione scura, alta, una quarta di seno e un culo favoloso come sento dire dai commenti quando storie di sesso. con Dio in un salone o altro luogo pubblico. Non ho voglia di vedere nessuno. Su bella! Vestiti, anche se e piacevole la vista ho voglia di farti divertire.

Mi guardava in un modo strano o ero io che speravo di vedere in quello sguardo quello che desideravo di vedere. Se desideri stringermi tra le tue braccia fallo pure. Non possiamo, mio Dio, storie di sesso. con Dio bello! Continua cosi, si mi piace tantissimo. Non avevo mai pensato a mio figlio come un uomo da portarmi a letto anche se aveva un fisico da urlo e gli dico che non si poteva. Lui si sposta e fece in modo che il cazzo mi toccava la figa, lo lascio fare ed apro le cosce e me lo mise nel mezzo e stinsi leggermente le cosce, il suo cazzo strofinava tra le labbra della mia figa, ed inizia a muoversi come se mi stava chiavando e mi piaceva un casino.

Antonio amore non dovevamo farlo sono contenta che lo hai capito e che ci siamo fermati in tempo. Faccio la doccia e usciamo. Poco dopo uscimmo, mi chiese di andare dove volevo senza paura. Eravamo madre e figlio. Lo bacio e sorridendo mi chiudo in camera mia. La mattina seguente mi squilla il telefono ed era mio figlio e mi dice che ha una sorpresa per me e che a casa ne parlavamo.

Arrivata storie di sesso. con Dio sera ci siamo messi a parlare di cosa successe il giorno prima e gli dico che non doveva succedere più in quanto eravamo madre e figlio anche se in cuor mio volevo essere posseduta da lui. Per le altre sere seguenti si ripete la stessa storia, lui era pronto a scoparmi ed io ero frenata e mi bloccavo anche se avevo una voglia matta di farmi scopare da mio figlio anche perché erano 2 anni che non vedevo un uccello.

Finalmente arriva il giorno della partenza ed io ero al settimo cielo e lui vedendomi felice mi riempiva di complimenti e mi dice che questa crociera non ce la storie di sesso. con Dio mai. Vuoi provare? Sta a te, Non mi farai male? Ho della crema per il viso, e neutra, possiamo usare quella, Lo vuoi veramente?

Si che lo voglio, dai prendi la crema. Antonio che bello! Mi farai venire un infarto per tanto piacere, sto godendo tantissimo, gli storie di sesso. con Dio girati verso di me, dammi il cazzo ho voglia di farti un pompino, di succhiarti questa bella mazza che hai. E bellissimo, godoo!! Accelera il ritmo di entrata e uscita, non resisteva più e mi sborra dentro il culo ed inizia a baciarmi sul collo, mi giro e ci baciammo con la bocca.

Amore sei stanca? Vuoi che mi tolga? Vuoi continuare? Lui mi prende inizia a baciarmi mi butta sul letto ci spogliammo, restammo nudi entrambi, inizio a baciarmi per tutto il storie di sesso. con Dio. La crociera continuava e noi ormai come due innamorati appena rientravamo in camera iniziavamo a scopare come se non ci fosse un domani. La crociera fini, tornammo a casa e si scopava tutte le notti ormai non potevo fare più a meno di mio figlio mi faceva sentire al settimo cielo.

Anzi vi dico di più, io e mio figlio scopiamo anche con lui dentro e la cosa mi fa eccitare da morire ormai non posso più a fare a meno di lui, lo amo pazzamente.

Cosa dire, il mio uccello è diventato durissimo, tanto più che ieri sera ho infilato mia moglie per ben tre volte ed ogni volta gridava di piacere. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Storie di sesso. con Dio web.

Lascia un commento Annulla risposta Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Privacy e cookie Continuando a navigare storie di sesso. con Dio nostro sitosei consapevole che il nostro sito utilizza i cookies.